L’inaugurazione di Aequale, un progetto informativo ed il primo spazio web del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori dedicato alle pari opportunità; la presentazione  della ricerca del Cresme “Gender Pay Gap: una realtà da affrontare”; l’illustrazione di best practices, con i progetti delle commissioni Pari Opportunità degli Ordini Provinciali degli Architetti: sono queste solo alcune delle iniziative previste nel corso di “Aequale: la professione  al femminile”, giornata dedicata a pari opportunità e parità di genere in ambito professionale che si terrà il prossimo 6 marzo (dalle ore 9.30 alle ore 17) a Roma presso la sede del Consiglio Nazionale degli Architetti (Via di Santa Maria dell’Anima, 10).

“Sarà un momento di riflessione - sottolinea Lisa Borinato, consigliere delegato alle Pari Opportunità del Consiglio Nazionale -  per focalizzare l'attenzione sulla presenza delle donne in architettura e per fare il punto sul loro decisivo contributo alla trasformazione dei nostri territori con grande professionalità, passione e creatività. Così come lo sarà per individuare strumenti ed interventi politici per affrontare il tema della condizione lavorativa ed economica delle professioniste che rappresentano una riserva di idee e di capacità”.

Nel corso della mattinata verrà anche posto l’accento per quanto riguarda l’accesso al credito sui nuovi strumenti per le professioniste promossi dal Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

A conclusione della giornata verrà proiettato in anteprima nazionale, il film/documentario “From a pratical point of view” (Regia di Wilma Kuijvenhoven e Magda Augusteijn, Olanda, 2013, durata 50’), appassionante storia della prima donna architetto olandese e di come, attraverso l’architettura, abbia cercato di cambiare il ruolo della donna nella società.



Roma, 3 marzo 2015








Si riapre il bando per l'assegnazione del premio “Urbanistica in rosa” con lo stesso impegno delle due edizioni passate: valorizzare il merito delle giovani laureate in ingegneria edile-architettura, architettura, ingegneria civile e pianificazione e attivare nuove sinergie con le istituzioni pubbliche e private nelle tematiche della sicurezza e della prevenzione.

Mappa del sito